Criteri voto di condotta

Criteri per l'attribuzione del voto di condotta

Decreto - Legge 25 ottobre 2010 n. 171

Art. 4

(Valutazione del comportamento)

1. La valutazione del comportamento si propone di favorire l’acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell’adempimento dei propri doveri, nella conoscenza e nell’esercizio dei propri diritti, nel rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile in generale e la vita scolastica in particolare.
2. In sede di scrutinio intermedio e finale viene valutato il comportamento di ogni studente durante tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica, anche in relazione alla partecipazione alle attività ed agli interventi educativi realizzati dalla scuola anche fuori dalla propria sede.
3. La valutazione del comportamento è effettuata mediante l’attribuzione di un voto numerico espresso in decimi da parte del Consiglio di classe con deliberazione assunta, ove necessario, a maggioranza. In caso di parità prevale il voto del Presidente.
4. La valutazione del comportamento con voto inferiore a sei decimi in sede di scrutinio intermedio e finale è motivatamente decisa dal Consiglio di classe nei confronti dell’alunno che sia incorso in almeno un provvedimento disciplinare che comporti la sospensione dalle lezioni o una sanzione più grave.
5. La votazione sul comportamento degli studenti concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi nello scrutinio finale, la non ammissione al successivo anno di corso o all’esame conclusivo.


Il voto di condotta viene attribuito dall’intero Consiglio di classe riunito per gli scrutini, in base ai seguenti INDICATORI e alla seguente GRIGLIA DI VALUTAZIONE.

INDICATORI

1. Rispetto del Regolamento di Istituto.
2. Comportamento responsabile:
a)  nell’utilizzo delle strutture e del materiale della scuola;
b)  nella collaborazione con docenti, personale scolastico e compagni;
c)  durante viaggi e visite di istruzione.
3. Frequenza e puntualità.
4. Partecipazione alle lezioni.
5. Impegno e costanza nel lavoro scolastico in classe/a casa.

Sono considerate valutazioni positive della condotta i voti dal sei al dieci. Il sei segnala però una presenza in classe poco costruttiva o per passività o per eccessiva esuberanza.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE

Voto 10   Interesse e partecipazione attiva e costruttiva alle lezioni.
  Regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche.
  Rispetto degli altri e dell’istituzione scolastica.
  Scrupoloso rispetto del Regolamento di Istituto.
Voto 9   Buona partecipazione alle lezioni.
  Costante adempimento delle consegne scolastiche.
  Equilibrio nei rapporti interpersonali.
  Rispetto delle norme disciplinari dell’Istituto.
Voto 8   Regolare attenzione e partecipazione alle attività scolastiche.
  Svolgimento puntuale delle consegne scolastiche.
  Partecipazione poco collaborativa all’interno della classe.
  Osservazione regolare delle norme relative alla vita scolastica.
Voto 7   Disinteresse per alcune discipline.
  Svolgimento non sempre puntuale delle consegne scolastiche.
  Condotta non collaborativa all’attività didattica.
  Disturbo all’attività didattica.
  Entrate in ritardo e/o uscite anticipate ripetute e giustificazioni delle assenze non sempre tempestive.
  Presenza di richiami disciplinari scritti e/o verbali.
  Utilizzo di mezzi illeciti e/o comportamenti scorretti nello svolgimento delle prove.
Voto 6   Interesse selettivo e partecipazione tendenzialmente passiva alle attività didattiche.
  Frequente disturbo all’attività didattica, opportunamente rilevato sul registro di classe.
  Frequenti episodi di mancato rispetto del Regolamento di Istituto.
  Frequenza discontinua/saltuaria all’attività didattica.
  Atteggiamento non responsabile durante le attività didattiche svolte anche fuori dall’Istituto.
  Utilizzo di mezzi illeciti e/o comportamenti scorretti nello svolgimento delle prove.
Voto 5   Disinteresse per le attività didattiche.
  Comportamento scorretto nel rapporto con insegnanti e compagni.
  Assiduo disturbo al regolare svolgimento delle lezioni.
  Funzione negativa nel gruppo classe.
  Diverse note disciplinari.
  Provvedimento/i di sospensione dalle lezioni.
  Utilizzo di mezzi illeciti e/o comportamenti scorretti nello svolgimento delle prove.


NOTE

Per l’attribuzione del voto di condotta deve essere riscontrata la maggior parte (almeno tre) degli indicatori relativi ai profili corrispondenti ai voti. Si terrà conto, inoltre, della situazione di partenza e della sua eventuale evoluzione.

L’attribuzione di voti inferiori a 5 (cinque) deve essere riservata a casi eccezionali e di assoluta gravità.


 
Top